Boxbo – La città che vogliamoAppuntamento venerdì sera alle 20.30

Boxbo – La città che vogliamoAppuntamento venerdì sera alle 20.30

Bologna ha bisogno di riprogettare la propria centralità per occupare un posto di primo piano non solo nel contesto nazionale ma anche in quello europeo. Per raggiungere questo obiettivo, è necessaria “una nuova stagione di coraggio e di orgoglio” che abbia la capacità di progettare una Bologna futura e creativa. A partire da questa convizione, le associazioni economiche della

Due incontri per discutere di donne e welfareIl 3 maggio partecipa Livio Turco

Due incontri per discutere di donne e welfareIl 3 maggio partecipa Livio Turco

Nel corso della giornata di oggi, Virginio parteciperà a due interessanti iniziative che  verteranno rispettivamente sulla situazione della donne nella nostra città e sullo stato del welfare. Il primo appuntamento è  un confronto fra i candidati alla carica di sindaco promosso dall’Associazione Orlando alle ore 18 presso il Centro Documentazione delle Donne, in Via del

“Riparto dal Pilastro, dal lavoro e dalla cultura”

Questa mattina ho iniziato il mio tour nei quartieri di Bologna, durante questo primo giro attraverserò tutta la città dedicando tre-quattro giorni a ciascuna delle nove circoscrizione per incontrarne i cittadini. Sin da questa prima giornata, ho deicso di caratterizzare la mia campagna elettorale evidenziando subito alcuni temi fondamentali della mia idea di città. Innanzitutto,

Merola: un patto con le categorie economiche per uscire dalla crisi. L’Unità

Operai e partite Iva stando ai primi dati sono stati lontani dalle primarie. Lei come pensa di coinvolgerli ora? I lavoratori aspettano dalla politica risposte vere a problemi reali. Se sapremo tradurre gli ideali e i valori del centrosinistra in progetti concreti, capaci di rispondere a questi bisogni, soddisferemo anche le loro aspettative. Ho incontrato le categorie economiche e sociali, condivido le loro preoccupazioni per il futuro, e per questo ho proposto loro un patto strategico per uscire insieme dalla crisi.

Vieni via con noi: legalità, eguaglianza, lavoro

Nella giornata in cui per Totò Cuffaro è stata confermata dalla Cassazione la sentenza di primo grado e d’appello per favoreggiamento aggravato a Cosa Nostra, voglio scegliere tre parole per chiudere la mia campagna elettorale LEGALITA’, EGUAGLIANZA, LAVORO. Ricostruiamo questo paese e ripartiamo da Bologna. Per questo vi ripropongo le parole di Don Luigi Ciotti

Merola: fumetti, poesie e il sogno di salire a Palazzo. La Repubblica

L’indirizzo c’è, dalle parti di via Costa; l’inquilino no. Squilla un sms: “Tarderò mezz’ora”. Ultimamente la casa fa fatica a rientrare nell’agenda di Virginio Merola. “La casa è il luogo del raccoglimento, ma per la politica c’è solo la strada, come cantava Gaber”, si scusa arrivando trafelato. Il salotto è intimo, arredato con gusto. Novanta metri quadri su tre piani, mutuo decennale da italiano medio. Ciabatte in ingresso, in frigo insalata, yogurt, succo d’arance, banane: si sente l’esistenza di una famiglia. Sposato da quattro anni con Daniela, psicologa, la loro è una famiglia “ricomposta”: entrambi hanno una separazione alle spalle, con loro vive Francesco, 21 anni, figlio di lei. Sul comò una piletta di librini verdi: È il cuore che si stringe, poesie che lui ha dedicato a lei, “in edizione limitata per gli amici. Ne prenda uno se vuole”. In fondo, Merola è nato il giorno di San Valentino.